MediterraneiNews.it

Spilinga: la macchina ritrovata bruciata oggi, è quella del presunto autore delle sparatorie di Nicotera e Limbadi.

Un nuovo tassello nella vicenda che da giorni ha puntato i riflettori dei mass media locali e nazionali, ancora una volta qui, in questa parte del comprensorio vibonese, tra Nicotera e Limbadi.

Questo pomeriggio, nel territorio di Spilinga, – precisamente in  località Colarizzi – è stata infatti ritrovata un auto bruciata, come annunciato su questa stessa testata, in un precedente articolo di poche ore fa. Il ritrovamento è stato effettuato dai militari della locale Stazione. e c’la conferma che sia proprio l’auto del presunto autore delle sparatorie di tre giorni fa che hanno causato due vittime e tre feriti tra Nicotera e Limbadi.

Tante le domande a cui ora dovranno rispondere gli investigatori. Per quale motivo il fuggiasco ha voluto darla alle fiamme? che direzione ha preso il fuggitivo? E aiutato da qualcuno?

Intanto nell’auto non vi è nessuna traccia dell’arma – un fucile – con il quale sono stati compiuti gli atti criminali dei giorni scorsi.

Intanto a Nicotera e a Limbadi la “cappa” di angoscia in cui due intere comunità sono piombate non accenna ad andare via. Tutti sono visibilmente preoccupati. Le parole sono poche ma i visi tirati esprimono bene lo stato delle coscienze.

Continuano intanto le perquisizioni e i pattugliamenti messi in atto dall’imponente schieramento di forze messo in campo per ricercare Olivieri.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Serra San Bruno: auto in fiamme.

Ennesima autovettura andata in fumo nel vibonese. Il nuovo episodio si è consumato a Serra San Bruno, dove un automobile di proprietà di un 38enne del luogo, è andata in fiamme mentre si trovava parcheggiata sotto l’abitazione dell’uomo. Sul posto, sono prontamente intervenuti sia i vigili del fuoco che hanno…

Leggi tutto »

Alluvione Nicotera-Joppolo, una ripresa molto lenta

E’ ancora molto lenta la ripresa nei comuni tirrenici vibonesi, Nicotera e Joppolo, dopo la seconda bomba d’acqua che, a due mesi dalla prima, ha messo nuovamente in ginocchio le cittadine. A Joppolo le strade sono ancora invase dal fango, così come alcune abitazioni, 14, fino ad oggi, sono state…

Leggi tutto »