MediterraneiNews.it

Pizzo Calabro: rinvenuti i resti di un cetaceo di 7 milioni di anni fa.

Interessante scoperta archeologica a Pizzo Calabro dove “il caso” ha voluto che a seguito di un cedimento di una porzione della parete di arenaria posta nei pressi della suggestiva insenatura della Seggiola, ha portato allo scoperto, i i resti fossili di un antico cetaceo .

Tali resti risalirebbero a  7 milioni di anni, precisamente al Tortoniano. Nella scala dei tempi geologici, il Tortoniano – lo ricordiamo  – è il quinto dei sei piani o stadi stratigrafici in cui è suddiviso il Miocene, la prima delle due epoche del Neogene. Questa unità cronostratigrafica si estende tra 11,608 milioni di anni fa e 7,246 milioni di anni fa (Ma), per una durata complessiva di 4,362 milioni di anni. A sua volta, il Miocene è la prima delle due epoche geologiche, in cui è suddiviso il Neogene, il secondo periodo dell’Era cenozoica.

A fare la scoperta, è stato un appassionato ricercatore storico di Briatico, Mingo Prostamo, che ha interessato della vicenda Giuseppe Carone, un esperto che dopo aver conseguito il dottorato di ricerca in turismo, territorio e ambiente presso il dipartimento di fisica e di scienze della terra con una tesi dal titolo i Sirenii (Mammalia e, Sirenia) miocenici dell’area del monte Poro, svolge da anni svolge attività di ricerca, conservazione e promozione dei beni culturali ed è il fondatore del gruppo paleontologico tropeano.

Questo sito, assieme alla cava greco-romana di calcarenite nei pressi della chiesetta di Piedigrotta, dimostra che c’è ancora molto da scoprire in merito alla storia di Pizzo Calabro. Va interessata la Sovrintendenza e di sicuro, i due siti in questione, possono diventare un qualcosa di bello che serva ad arricchire ulteriormente l’offerta turistica della citta.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Pizzo Calabro: prime ordinanze contro il degrado urbano.

Un mese fa il sindaco di Pizzo Calabro Gianluca Callipo aveva annunciato sui social network come l’amministrazione da lui guidata non sia più disposta a tollerare situazioni di degrado urbano avvalendosi del cosidetto Decreto Minniti del 2017 che ha previsto maggiori poteri ai Sindaci in materia di possibilità di emanare ordinanza nei…

Leggi tutto »

Callipo contro il mancato finanziamento della rievocazione storica murattiana: «Belen sì, Murat no. Non è accettabile»

In merito al mancato finanziamento da parte della Regione Calabria della rievocazione storica murattiana, evento culturale di primaria importanza nel panorama calabrese, il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo, ha diffuso questa lettera aperta che stigmatizza con forza l’esclusione, denunciando il tentativo di marginalizzare il territorio napitino:«Dalla Regione Calabria nemmeno un…

Leggi tutto »