MediterraneiNews.it

L’Irlanda volta pagina e dice si all’aborto.

A scrutinio concluso, , la giornata di oggi, in Irlanda, vede la netta affermazione del fronte favorevole alla lege sull’aborto. Per la cronaca, Ha votato il 64.1% delle’elettorato.

Dai dati pubblicati dal principale quotidiano di quella che viene chiamata “l’isola di smeraldo” – l’Irish Time – infatti, i Si, avrebbero nettamente prevalo in tutte le circoscrizioni elettorali tranne una con oltre il 66% dei suffragi a fronte del 34% raccolto dai sostenitori del NO.

Fino ad oggi in Irlanda – un paese in cui il divieto di abortire è addirittura scritto nella Costituzione – l’interruzione di gravidanza era di fatto illegale, tranne nel caso in cui sia a rischio la vita della donna e non era nemmeno consentita in caso di stupro o incesto o in presenza di una grave anomalia del feto. Un fatto questo che aveva costretto migliaia e migliaia di donne irlandesi – 165.438 tra il 1980 e il 2015, secondo i dati del ministero della Salute britannico – a recarsi all’estero per abortire, sopratutto nella vicina Gran Bretagna.

Il Si avrebbe praticamente stravinto nelle grande aree urbane, a cominciare dalla capitale Dublino, dove il SI, si è attestato, nelle undici circoscrzioni, tra il 72% e il 78% dei consensi. Anche a Cork, la seconda città del paese, il Si, nelle cinque circoscrizioni, oscilla tra il 60% e il 68%. Il fronte del NO sperava di recuperare nelle aree rurali – in quella Irlanda profonda il cui cattolicesimo è ancora molto ben radicato – ma anche qui, solo in pochi casi, i consensi a favore dei contrari all’introduzione della legge sull’aborto hanno superato il 40%. Il risultato migliore, il No, lo ha ottenuto nella circoscrizione di Donegal dove ha prevalso con il 51.8% e in quella di Cavan-Monaghan, dove ha ottenuto il 44.5%.

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Mike Pompeo: prima i popoli. “ Aspiriamo a fare in modo che l’ordine internazionale sia al servizio dei nostri cittadini, non che li controlli”

“L’Unione Europea si sta assicurando che gli interessi dei Paesi e dei cittadini siano posti prima di quelli dei burocrati qui a Bruxelles?” Quando qualche giorno fa Mike Pompeo, Segretario di Stato americano, e dunque portatore della politica estera degli Stati Uniti e di Donald Trump, si faceva questa domanda…

Leggi tutto »

Elezioni negli USA: prima sconfitta per i Repubblicani nell’era Trump e in Maine gli elettori votano per estendere la copertura sanitaria ai poveri.

Prima sconfitta per il Partito Repubblicano dopo l’ascesa di Trump alla Presidenza giusto un anno fa, quella subita stanotte nelle elezioni che si sono tenute in due importanti stati – Virginia e New Jersey e nei più importanti centri urbani degli states. Ci si aspettava una vittoria democratica ma la…

Leggi tutto »