MediterraneiNews.it

Azione Democratica Vibonese torna sul tema della riforma delle province.

“All’inizio di quest’anno avevano intrapreso un percorso, certamente non facile, che portasse il Comune di Nicotera ed i Comuni viciniori a lasciare la provincia di Vibo Valentia per aderire alla Città Metropolitana di Reggio Calabria. Una scelta che si era resa, a nostro avviso, necessaria dopo la nefasta riforma Renzi – Delrio che ha stravolto gli enti territoriali di prossimità al cittadino, appunto le provincie, impoverendole di risorse e competenze”.

Comincia così la nota del vicepresidente del movimento politico Azione Democratica Vibonese Enzo Comerci che torna a far sentire la sua voce intervenendo

“La nostra scelta, – incalza Comerci – spinta principalmente dalla esigenza di assicurare servizi adeguati al territorio, in particolare su scuole e strade, avendo le città metropolitane più risorse e maggiori competenze è stata, forse per partito preso, incautamente criticata da qualcheduno mentre, nel contempo, abbiamo registrare tanti consensi da parte di molti cittadini, anche autorevoli e qualificati, che hanno offerto la loro collaborazione e prima delle elezioni politiche di marzo, per evitare qualsiasi forma di speculazione, abbiamo ritenuto opportuno sospendere l’attività”.

“Gli Italiani, – continua l’esponente politico – che con il risultato elettorale hanno voluto punire pesantemente il PD di Renzi e Forza Italia di Berlusconi, hanno voluto affidare le sorti della Nazione a Di Maio e Salvini i quali, molto responsabilmente, superando egoismi partitici, dopo molti peripezie hanno dato vita ad un nuovo Governo. Essendo questo Governo, detto del cambiamento, di forte discontinuità con il passato è nostro intendimento aspettare, un breve lasso di tempo, per capire se è volontà dell’Esecutivo e della sua maggioranza andare a riformare gli Enti locali, in particolare le provincie, e in che modo”.

Ma Comerci non fa sconti a nessuno e avverte: “E’ chiaro che, se le cose dovessero essere lasciate come sono, è nostro intendimento riprendere la nostra azione, dal punto dove l’abbiamo lasciata, andando velocemente a mettere in moto le procedure, stabilite dalla legge, per chiamare il popolo, che noi continuiamo a definire sovrano, a pronunciarsi”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Joppolo-Nicotera, Oliverio sui luoghi dell’alluvione: “Responsabilità delle istituzioni sì, ma anche incuria dei cittadini”. Parte il secondo step per i lavori della Sp 23

“Responsabilità delle istituzioni sì, ma anche incuria da parte dei cittadini. Nel corso dei decenni c’è stata una cultura diffusa a sottovalutare le cose, hanno costruito dove non dovevano. Nell’alveo di un corso d’acqua non si edifica e chi lo ha permesso ha fatto un grave danno”. E’ quanto afferma…

Leggi tutto »

San Costantino Calabro, al via domenica la manifestazione nazionale “Bimbimbici 2018”

Sì svolgerà domenica 20 maggio, promossa dall’associazione Fiab San Costantino Calabro “Bicinsieme Paesaggi in Movimento” guidata da Raffaele Mancuso, la manifestazione nazionale “Bimbimbici 2018”, ideata dalla Federazione italiana amici della bicicletta. Bimbimbici è una campagna nazionale volta ad incentivare la mobilità sostenibile e a diffondere l’uso della bicicletta tra giovani e…

Leggi tutto »