MediterraneiNews.it

Omicidio Piperno a Nicotera. Arrestati Perfidio Francesco e il figlio Ezio in concorso con altri

Nella nottata odierna, in Nicotera, i militari del Comando Provinciale di Vibo Valentia e del R.O.S., con la collaborazione dello Squadrone Eliportato “Cacciatori” di Calabria, eseguivano ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della locale Procura della Repubblica, che concordava con le risultanze investigative dell’Arma, nei riguardi di 2 pregiudicati di Nicotera, PERFIDIO Francesco cl. 60 e PERFIDIO Ezio cl. 84, rispettivamente padre e figlio, ritenuti responsabili in concorso fra loro di omicidio nonché di occultamento e soppressione di cadavere. Secondo le conclusioni della Procura di Vibo Valentia e dei carabinieri della Nucleo operativo della Compagnia di Tropea, del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia e della sezione “Crimini violenti” del Ros,  è stato Ezio Perfidio, a sparare a Stefano Piperno con alcuni colpi di fucile. Il padre Francesco Perfidio sarebbe stato presente al momento dell’omicidio rafforzando il proposito delittuoso, cagionando così la morte del giovane Piperno. Tra gli indagati anche Sonia Perfidio, 30 anni, di Nicotera che, insieme a Francesco ed Ezio Perfidio,  con l’accusa di concorso in distruzione e soppressione di cadavere, avendo dato fuoco a Stefano Piperno ed alla sua auto.

Gli inquirenti, hanno accertato che il movente dell’omicidio è stato causato da continue richieste di Piperno, di ottenere cocaina, pur avendo maturato debiti pregressi con gli aggressori. La dinamica del delitto, ricostruita dagli investigatori, appare che prima dell’omicidio vi è stata una lite culminata con l’assassinio do Piperno, freddato con un colpo d’arma da fuoco al torace il 19 giugno.

Le indagini scaturite dall’attività investigativa, del ritrovamento, avvenuto il 20 giugno 2018 in Nicotera, di un’autovettura completamente distrutta dalle fiamme con all’interno i resti di un cadavere carbonizzato, identificato poi in PIPERNO Stefano cl. 84, tossicodipendente, scomparso dal giorno precedente, ha consentito di risalire compiutamente all’identità degli assassini e al movente dell’atto omicidiario, causato dalle pressanti richieste della vittima, finalizzate ad ottenere dello stupefacente del tipo cocaina, pur avendo maturato debiti pregressi con gli aggressori.
Per quanto concerne, invece, alla dinamica del delitto, gli investigatori riuscivano ad appurare che alla base vi è stata una lite culminata con l’assassinio del PIPERNO con un colpo d’arma da fuoco giorno 19 giugno e che ad esplodere i colpi materialmente fu il figlio PERFIDIO Ezio, il tutto alla presenza del padre PERFIDIO Francesco che aiutava poi il figlio a caricare il PIPERNO in auto e trasportarlo nel luogo, distante circa 2 km circa dalla loro casa, dove poi fu rinvenuta l’autovettura bruciata il successivo giorno 20 giugno.

A corollario di ciò, inoltre, i militari operanti ricostruivano quelli che sono gli interessi nella vendita di stupefacenti che gli arrestati hanno nel territorio di Nicotera, in special modo PERFIDIO Francesco che ha numerosi precedenti specifici in materia.

Ad aggravare il quadro complessivo vi è da un lato il fatto che il gesto gravissimo e letale sia stato compiuto di base per una somma irrisoria di denaro di debito, dall’altro che entrambi i soggetti abbiano da subito cercato di occultare il cadavere e qualsiasi collegamento, anche relazionale, nei confronti della vittima.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Tre attentati ad aziende agricole nel comune di Strongoli (KR): la solidarietà di Coldiretti.

Nella notte tra giovedì e venerdì u.s. tre importanti aziende agricole del comune di Strongoli (KR)  hanno subito un attentato di natura vandalica e intimidatoria  che ha provocato gravi danni. Si tratta dell’azienda Calabria Verde di Nigro Giuseppe,  azienda Piscitelli Giuseppe , azienda Perrotta Mario. Con una mazza sono state…

Leggi tutto »

Maierato: minoranza consiliare all’attacco sulla mancata stabilizzazione degli LSU.

Nuovo attacco dei consiglieri di minoranza del comune di Maierato che in una nota diffusa oggi puntano il dito contro l’amministrazione comunale in carica. “I nove lavoratori ex LSU/LPU del Comune di Maierato che il 29 dicembre 2014 avevano sottoscritto n contratto a tempo determinato con il Comune, nella speranza…

Leggi tutto »