MediterraneiNews.it

Le note del Silenzio per l’addio a Michele. Carabinieri ed Esercito attorno alla sua bara

Quando la bara di Michele Aiello, il sedicenne morto nel bagno di casa domenica scorsa, arriva nella chiesetta di Santa Croce ad accoglierlo ci sono compagni di scuola, amici, parenti, cittadini. Una commozione infinita, tante lacrime, tanto dolore. Tutto testimonia l’immenso affetto della comunità per una vittima innocente dell’avverso destino. Nel volgere di pochi minuti Santa Croce si popola di persone senza sorriso. A decine sfilano davanti alla bara bianca di Michele e ai familiari distrutti dalla sofferenza. Alle 15,30, il feretro lascia la chiesa e lentamente si avvia verso la cattedrale. Quando il corteo raggiunge la chiesa dell’Assunta l’emozione travolge tutti.

Il piazzale pullula di divise dei Carabinieri, mentre una decina di militari dell’Esercito in tuta mimetica si schierano per rendere omaggio al sedicenne che da sempre cullava il sogno di indossare la divisa. Improvvise si levano le note del silenzio. A suonarle sono i giovani della banda “Città di Nicotera”. Una musica triste che chiude la gola a giovani e adulti. In tanti non sanno nascondere il dolore. In tanti cedono alle lacrime. L’emozione non cala neppure in chiesa. Attorno alla bara bianca di Michele ci sono schierati Carabinieri e militari dell’Esercito. Una presenza la loro unanimamente apprezzata e che il ragazzo sicuramente meritava.

Poi, sull’altare, la concelebrazione della santa Messa con le omelie di don Francesco Vardè e don Antonino Loiacono tese ad esaltare il valore della vita e il dono dell’eternità. Per ricordare Michele non poteva non esserci la testimonianza dei docenti, che, assieme alla dirigente Marisa Piro, affollano la cattedrale. <La tua scomparsa – afferma la prof.ssa Rory Scerbo – lascia un segno indelebile. Impossibile dimenticare la tua disponibilità, il tuo volerti mettere sempre al servizio degli altri e tutti i piccoli gesti che dimostravano la tua nobiltà d’animo. Lunedì, al suono della campanella, non sarai con noi fisicamente, ma avrai sempre un posto nel nostro cuore>.

Sull’altare sale anche Samuele, l’amico che domenica sera era rimasto assieme a Michele sino a pochi minuti prima della tragedia. Anche lui vuole porgere l’estremo saluto all’amico del cuore. Tra lacrime e singulti lo ringrazia <perchè – dice – mi hai onorato, rallegrato e arricchito con la tua amicizia. Michele – prosegue – ci hai lasciati troppo presto. Noi avevamo ancora bisogno di te, della tua voglia di vivere e di fare, del tuo sorriso, dei tuoi sguardi penetranti, delle tue simpatiche battute. Ci mancherai tantissimo>. All’uscita dalla cattedrale, decine di palloncini bianchi, liberati dai compagni di scuola, si rincorrono tra le nuvole tracciando per Michele il percorso da seguire per salire in cielo.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera, gli alunni del Liceo “Vinci” ricordano la Shoah attraverso lo studio del quartiere Giudecca

La Giornata della Memoria ha offerto l’opportunità agli alunni delle classi quarte del Liceo “Vinci” del dirigente scolastico Marisa Piro, di raccontare le vicissitudini del popolo ebraico protagonista, tra l’altro, anche della storia nicoterese durante l’epoca di Federico II di Svevia che avviò la fondazione in città, del quartiere Giudecca…

Leggi tutto »

Provinciale 23, 920 cittadini chiedono la soluzione del problema. Dopo la determina 458/18 della Provincia ci si chiede qual è la verità?

“Persistendo il lento ed inconsistente procedere delle pratiche burocratiche in merito all’apertura della Sp 23, chiediamo al presidente della giunta regionale, Mario Oliverio, un intervento urgente, anche con fondi ordinari, per mettere in sicurezza l’arteria e riaprirla almeno per l’inizio dell’estate. Al prefetto Giuseppe Gualtieri si chiede il suo autorevole…

Leggi tutto »