MediterraneiNews.it

Limbadi, Vecchio Amaro del Capo trionfa ai Brands Award 2019. La Distilleria F.lli Caffo si aggiudica tre riconoscimenti

La ventesima edizione del premio Brands Award 2019 si è chiusa alla grande per la Distilleria F.lli Caffo: il suo Vecchio Amaro del Capo si è aggiudicato ben tre riconoscimenti.

L’amaro più amato in Italia ha ricevuto il primo premio nella categoria Alcolici e birre, il Premio Retailer decretato dalla giuria del settore GDO, ma soprattutto il primo premio assoluto come Top Brand dell’anno nella categoria Grocery. I riconoscimenti sono stati ritirati dal Direttore Commerciale Paolo Raisa e dal Direttore Vendite Noè Alquati.

Brands Award è l’unica iniziativa che premia le migliori performance annue dei marchi nell’ambito dei beni di largo consumo. Concorrono tutti i prodotti presenti oggi sul mercato, che vengono giudicati attraverso criteri oggettivi e riscontrabili con il coinvolgimento di consumatori finali e retail moderno. Sulla base di dati di vendita forniti da IRI e GFK, vengono selezionati i prodotti che sono poi sottoposti ad altri due livelli di giudizio: consumatori e giuria di buyer, category e direttori acquisti della GDO. Il premio è organizzato da GDOWEEK e da MARK UP, in collaborazione con EldomTrade by AE.

Questa occasione è ancora più speciale per la Distilleria F.lli Caffo. Dopo i già numerosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, fra cui quelli recentemente ricevuti ai SIP AWARDS 2019, Vecchio Amaro del Capo è infatti la prima bevanda alcolica a essere premiata come Top Brand.

“Sono molto fiero di ricevere questi premi – dichiara Paolo Raisa – In quanto Direttore Commerciale, li accolgo come una conferma del nostro modo di lavorare e di relazionarci ogni giorno con le diverse realtà di vendita. Il nostro lavoro è un impegno quotidiano che ci appassiona, e si vede dai risultati. Del resto, Vecchio Amaro del Capo è un prodotto unico, sia per il metodo ancora artigianale di produzione, sia per l’amore dimostrato da chi lo gusta”.

“Siamo felici e orgogliosi di questo successo – afferma Nuccio Caffo, Amministratore Delegato del Gruppo Caffo – che è un riconoscimento non solo al prodotto, ma anche all’approccio dell’azienda. È molto importante per noi sapere che il nostro metodo e il nostro prodotto leader vengono apprezzati non solo dagli affezionati consumatori, che ogni giorno ci confermano il loro gradimento, ma anche da coloro che lavorano nel settore. Un successo confermato dai dati di vendita. E siamo ancora più felici di vedere Vecchio Amaro del Capo diventare il primo nel suo genere a cui viene riconosciuto questo particolare valore. Mi complimento con Paolo Raisa e con tutto il nostro staff dell’organizzazione commerciale da lui diretta per il grande lavoro fatto in questi anni, che ci ha permesso di fare un enorme salto in avanti. La distribuzione capillare su tutto il territorio nazionale unita alle qualità intrinseche del nostro prodotto di punta ci hanno permesso di raggiungere questo traguardo, che dimostra come con le scelte giuste e il lavoro serio e costante un’azienda artigiana italiana, anche partendo dalle località più periferiche e disagiate, può evolversi fino a diventare leader di mercato nel suo settore”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Operazione “Fata Morgana”, sequestrati 1,8 milioni di euro a Giuseppe Chirico, imprenditore appartenente alla ‘ndrangheta

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, Direzione Distrettuale Antimafia, hanno provveduto ad individuare e sequestrare, presso Istituti di credito e assicurativi, buoni postali fruttiferi, conti correnti, depositi a risparmio, depositi titoli, polizze assicurative e…

Leggi tutto »

Lamezia Terme, donne furiose in aeroporto. Arrestate

Due donne di origine straniera, di cui una con cittadinanza italiana, con la pretesa di partire con un volo quando l’imbarco era già chiuso sono andate in escandescenza usando violenza verbale e fisica nei confronti del personale addetto al gate, di quello delle Forze dell’ordine intervenute e anche nei confronti…

Leggi tutto »