Pd Calabria: "Il Partito democratico non deve scomparire, Oliverio faccia un passo indietro"
Pd Calabria: "Il Partito democratico non deve scomparire, Oliverio faccia un passo indietro"

MediterraneiNews.it

Pd Calabria: “Il Partito democratico non deve scomparire, Oliverio faccia un passo indietro”

“Il Partito Democratico non deve scomparire, Mario Oliverio faccia un passo indietro”.

E’ quanto affermano i componenti del Pd calabrese in una nota. “L’interesse suscitato dalle recenti interviste rilasciate dall’ex presidente della Giunta Regionale, Agazio Loiero – affermano -, a parte alcune prevedibili stonature non del tutto disinteressate, potrebbe essere sintomatico dell’ancora viva speranza di ricreare un rinnovato entusiasmo nel popolo del centro sinistra calabrese. In verità le argomentazioni di Loiero, come sempre esternate con forbita eleganza e con alto tasso di onestà intellettuale, hanno disvelato una verità cocente su come in Calabria, nella massima istituzione e nella vita di partito, si proceda a passo lento, sul perché non si nota più un minimo di interesse per la vita di partito e, soprattutto, perché in tanti hanno lasciato ed altri pensano di lasciare il Pd calabrese al suo ineluttabile destino”.

Analogo e più esteso interesse avrebbe suscitato, secondo i componenti del Pd Calabria, la sua riflessione sull’autonomia differenziata diffusa da un quotidiano nazionale, “peraltro – affermano – anticipata nel corso di un partecipato evento a Gasperina, al punto da spingere un nutrito gruppo di dirigenti democratici ad incontrarsi per discutere di strategie in vista delle scadenze elettorali (regionali e forse nazionali). Si è convenuto che se si vuole continuare a scrivere un pezzo di storia nella nostra regione, nelle nostre città e nei nostri territori, occorre che si assumano concretamente impegni per innalzare il livello culturale e morale di una rinnovata classe dirigente, in grado di far capire al popolo deluso del centro sinistra calabrese che è ancora possibile ipotizzare la costruzione di nuovi e credibili percorsi di proposte. Si è registrata una convergenza unanime sulla necessità di procedere in direzione della rottura del vecchio schematismo dell’attesa e dell’intoccabilità di santuari che invocano regole e metodi già abbondantemente dissacrati dal voto degli elettori! Come se la sfilza di risultati negativi, culminata con le ultime elezioni europee, fosse avulsa dalla percezione negativa che aleggia nell’immaginario collettivo calabrese sulla qualità dell’impegno profuso dallo stesso governatore regionale”.

Per i democratici il tempo dell’attesa sarebbe terminato, “non serve – dichiarano – più il lento procedere imposto dalle solite ritualità, la velocità con la quale gli eventi si caratterizzano non lascia spazi a ripensamenti o a discussioni interminabili. Urgono determinazione e convincimento per una svolta netta che ci ponga nella condizione di stare nella partita dell’imminente scadenza regionale per cui il primo passo indietro deve essere fatto da quanti dal Pd hanno ricevuto tanto, forse molto di più dei meriti acquisiti”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Dieta mediterranea di Nicotera e l’enogastronomia calabrese protagoniste a New York negli store Eataly.

I prodotti e la cucina tipica calabrese sono ancora una volta protagonisti a New York negli store Eataly. Dopo l’evento di inaugurazione in gennaio, che ha portato l’attenzione del pubblico e dei media sui prodotti calabresi oggi disponibili negli store, la partnership prosegue con una serie di eventi per valorizzare e…

Leggi tutto »

Seminario “ Cassiodoro: primo promotore della dieta mediterranea”.

Giorno 20 maggio presso l’Istituto Alberghiero di Villa San Giovanni, Scuola Polo per la provincia di Reggio Calabria nell’ambito del progetto “Vivarium-Conoscere Cassiodoro”, arrivato oramai alla sua quarta edizione, la dieta mediterranea diventa la protagonista del seminario “Cassiodoro: primo promotore della dieta mediterranea”. Tale progetto nasce da un protocollo d’intesa…

Leggi tutto »
Pd Calabria: "Il Partito democratico non deve scomparire, Oliverio faccia un passo indietro"