MediterraneiNews.it

Il Crocifisso fa parte della nostra storia

Qualche mese fa, si è tornato a discutere sull’opportunità della presenza nelle scuole del Crocifisso.  In tanti ne hanno portato : politici, esponenti del mondo della cultura e della scuola. Adesso che come dire “tutto di nuovo tace” vorremo anche noi esprime un parere. In primis  è doveroso dire che  la croce fa parte della nostra storia, della nostra cultura e naturalmente della nostra fede, che poi sia labile o forte, questa è un’altra storia. Fede che,  spesso non difendiamo come invece fanno gli appartenenti ad altre confessioni religiose. Tempo fa il giornalista  Corrado Augias disse:” Sono ateo ma sono fortemente innamorato di Gesù Cristo”.

Al di là del credo religioso, è impossibile non amare o perlomeno ammirare Gesù. Un uomo che ha cambiato la storia, sono più di 2000 anni che diciamo  “Prima di Cristo” o “Dopo di Cristo”. Un rivoluzionario, che ci ha insegnato ad accettare e ad accogliere il prossimo, soprattutto se svantaggiato; che ha perdonato l’adultera, che è stato un grandissimo pedagogista,  ricordiamo che insegnava attraverso le parabole e con le immagini, un grande narratore, un trascinatore di folle. Il crocifisso non è altro che l’immagine della rivoluzione cristiana che ha sparso per il mondo come un seme l’idea dell’uguaglianza fra gli uomini, fino a quel momento assente.

Il Crocifisso fa parte della storia del mondo: è il segno del dolore umano e la corona di spine ed i chiodi ci ricordano la sua immane sofferenza. La croce è il segno della solitudine della morte, in fondo poi, quando “l’indesiderata tra le genti” arriva, ce ne andiamo da soli. Niente di quello che abbiamo o amiamo portiamo con noi. Quante persone sia  cattolici  o  atei, o buddisti o altro ancora, sono stati traditi, venduti, umiliati “crocifissi” e lui li rappresenta tutti. Quando portiamo sulle spalle un grande problema , diciamo sempre “porto la croce” e a dirlo sono anche i non cattolici

La famosa frase” Ama il tuo prossimo come te stesso” erano parole già presenti nell’Antico Testamento, ma sono diventate la chiave di tutto, la base della rivoluzione cristiana, proprio perché le ha pronunciate Lui e, sono tutto il contrario di quello che oggi c’è nel mondo: malvagità, guerre, femminicidi, pedofilia, indifferenza,  stupri e adulterio. Il Crocifisso deve restare non solo nelle scuole, ma anche in tutti gli uffici pubblici, affinchè tutti anche gli atei conoscano Gesù Cristo. Infine vorremmo dire che tantissimi sono i libri presenti nelle librerie, sarebbe opportuno promuovere e vendere la Bibbia.

Un libro che insegna a vivere, ad educare i figli,  a pregare, che  insegna la storia. E’ attraverso la Bibbia che si dovrebbero educare le nuove generazioni. Ogni pagina della Bibbia è ricca di insegnamenti per tutti, anche per i non cattolici. Rispettiamo tutto e tutti, ma consentiteci di fare questa riflessione:  se nel mondo c’è il male va da sé che il Bene Esiste. Chi adora Satana giura che Satana esiste.

E allora se c’è Satana, è vero che anche Dio c’è e che Gesù oltre ad essere un rivoluzionario, un personaggio storico, un uomo meraviglioso che ha perdonato l’adultera, e che nacque  da una dolcissima e bellissima ragazza  di nome Maria a Betlemme  in una grotta, al tempo del Erode, è davvero il figlio di Dio. Cerchiamolo questo Gesù, amiamolo, difendiamolo e facciamo in modo che da nessun muro di nessuna scuola, sparisca la croce che non ha mai rappresentato nessuna discriminazione, ma amore e accoglienza.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Vibo: dal 22 Settembre, al Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi, la Mostra di Arte contemporanea “Artificialia”.

Il Museo Archeologico Nazionale di Vibo Valentia, diretto da Adele Bonofiglio, (nella foto) promuove un ciclo di incontri dedicati all’arte contemporanea, nell’ambito dell’esposizione Artificialia, che dal 29 luglio del 2017 è posta in dialogo con la collezione permanente del Museo. Il primo incontro è previsto il 22 settembre 2017 (ore…

Leggi tutto »

Vibo Valentia, l’Ancri racconta i 222 anni del Tricolore

Raccontare 222 anni di vita vissuta non è certamente cosa da potersi fare in poco tempo. C’è riuscita invece la Sezione Ancri di Vibo Valentia con due relatori di eccezione: il Generale dell’Esercito Italiano in ausiliaria, Francesco Deodato ed il Comandante della Polizia Stradale di Vibo, Pasquale Ciocca, ambedue insigniti dell’onorificenza…

Leggi tutto »