L’ANPI di Reggio Calabria ricorda il 2 giugno: Festa della Repubblica.

Author: Nessun commento Share:

L’ANPI di Reggio Calabria  invita i Sindaci del territorio della Città Metropolitana di Reggio Calabria a partecipare, al fianco dei partigiani Pasquale Brancatisano, Anna Condò e Aldo Chiantella, martedì 2 giugno, alle ore 10,30 a Samo, presso la Sala del Consiglio Comunale.

  In una nota inviata agli organi di stampa l’ANPI di Reggio Calabria afferma:

”Il 2 giugno 1946 nasce la REPUBBLICA.

Nasce la Repubblica nel modo migliore, nel modo più democratico, attraverso un referendum. 

Un referendum a suffragio universale: per la prima volta in Italia le donne sono EGUALI, hanno diritto di voto (in realtà le donne avevano già votato qualche mese prima, in occasione delle amministrative della primavera 1946). Caduto il fascismo, e con esso il razzismo e la diseguaglianza, le donne sono cittadine, al pari degli uomini, con i quali avevano lottato contro la dittatura fascista e nella Resistenza.

I cittadini e le cittadine debbono scegliere: Repubblica o Monarchia.

A maggioranza scelgono, votando REPUBBLICA.

Nel 1946 gli aventi diritto al voto erano 28 milioni (28.005.449), i votanti furono quasi 25 milioni (24.946.878), pari all’89,08%. I voti validi risultarono 23.437.143; di questi 12.718.641 (pari al 54,27%) si espressero a favore della Repubblica, 10.718.502 (pari al 45,73%) a favore della Monarchia.

Il 2 giugno 1946 gli italiani votarono anche per l’Assemblea costituente. Il risultato elettorale vide l’affermazione dei tre grandi partiti di massa: la Democrazia cristiana conquistò la maggioranza relativa dell’Assemblea (35,21 %), mentre il Partito socialista e il Partito comunista raggiunsero insieme il 39,61 %.

I tre maggiori partiti ottennero complessivamente circa il 75% dei suffragi, grazie al consenso popolare indirizzato verso le organizzazioni antifasciste, legate alla tradizione popolare del movimento cattolico e del movimento socialista”.

Condividi questo Articolo
Previous Article

Giornalista simula reato sparandosi alcuni colpi di pistola. Vittima del personaggio che si compiace in maniera patologica.

Next Article

CGIL: Il Vicepresidente Spirlì Convochi urgentemente il tavolo settoriale sul turismo.

You may also like