MediterraneiNews.it

L’Unione Europea ha rafforzato la politica di sicurezza e difesa comune.

Si muove finalmente qualcosa sul fronte della difesa comune europea dopo la sottoscrizione nei giorni scorsi del  progetto di cooperazione, noto come PESCO, previsto dal Trattato di Lisbona, ma per quasi un ventennio è rimasto una disposizione non attuata degli accordi.

L’accordo in sostanza prevede numerosi impegni vincolanti tra cui l’istituzione di un fondo di 500 milioni di euro all’annuo per finanziare progetti di ricerca comuni per lo sviluppo di tecnologie avanzate nel settore della difesa e della sicurezza, l’aumento delle spese militari – in termini reali e non solo relativi al PIL – e la  creazione di una forza di reazione rapida europea.

Sarà ora, il Consiglio Affari esteri dell’11 dicembre prossimo ha sancire la definitiva istituzione della PESCO. Per il momento vi hanno aderito tutti gli stati dell’UE tranne Irlanda, Portogallo, Danimarca e Malta anche se le diplomazie sono al lavoro per recuperare.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Questura di Vibo Valentia: Andrea Grassi succede a Filippo Bonfiglio.

Sarà Andrea Grassi, proveniente dalla Questura di Firenze a succedere a Filippo Bonfiglio nell’incarico di nuovo responsabile della Questura di Vibo valentia. Bonfiglio – lo ricordiamo era alla guida della Questura vibonese – dal maggio del 2015. Andrea Grassi, classe 1966, di origini pugliesi, ha ricoperto l’incarico di  vice questore vicario a Firenze…

Leggi tutto »

Argentina: successo del Presidente Macri alle elezioni legislative.

La coalizione moderata “Cambiemos” – composta da Coalición Cívica ARI, Prpuesta Repubblica e Unión Cívica Radical – che sostiene il presidente Mauricio Macri – è la vincitrice delle elezioni legislative tenutesi domenica in Argentina. Cambiemos ha infatti ottenu 109 seggi alla Camera (+20) e 26 al Senato (+9). Sconfitta inveceper la destra…

Leggi tutto »