MediterraneiNews.it

Elezioni in Slovenia: parlamento molto frammentato, si cerca ora una maggioranza.

Un vincitore sicuro ma moltissime incertezze. E’ questo il quadro che esce dalle urne di uno degli stati più piccoli dell’Unione Europea. Stiamo parlando della Slovenia dove domenica si è votato per il rinnovo del parlamento unicamerale.

Il partito più votato è stato  il Partito democratico sloveno (SDS), formazione di centrodestra che a livello europeo si riconosce nel Partito Popolare Europeo che ha ottenuto il 25% (+4%) dei voti e 25 seggi (+5). Il Partito che è molto vicino sul tema dell’immigrazione ad altri governi dell’areacome quello ungherese ora però dovrà trovare alleati per raggiungere la quota di deputati necessaria (45 in tutto) per poter formare un esecutivo.

Una cosa non facile perchè a parte lo scontato Si della formazione della destra cattolica Nuova Slovenia (7.1% dei voti e 7 seggi) gli altri partiti entrati in parlamento non sembrano  disposti ad allearsi con l’SDS.

Certamente indisponibili quelli della Lista Marjan Šarec (LMS), giunti secondi (12.7% e 13 seggi), l’attore comico su posizioni di centrosinistra, favoreloe alle unione gay e che ha più volte dichiarato le affinità della dottrina socialista con i dettami evangelici  ma anche le due formazioni della sinistra tradizionale e cioè i Socialdemocratici dell’SD (9.9% e 10 seggi in crescita) e la Lista Sinistra (L) anch’essa in crescita e che ha ottenuto il 9.3% e 6 9 seggi.

Difficile anche l’intesa col grande sconfitto di queste elezioni – il partito di centro liberale SMC – che è crollato al 9.8% e 6 seggi e il Partito di Alenka Bratušek (SAB) – anch’esso centrista che ha riconfermato i suoi 5 seggi ottenendo il 5.1% dei voti.

In parlamento sono anche entrati il Partito dei Pensionati (Desus) che ha dimezzato i suoi voti rispetto alla precedente tornata elettorale ottenendo il 4.9% e 5 seggi, il partito di estrema destra SNS che ha ottenuto il 4.2% dei voti e 4 seggi e i due deputati delle minoranze di cui uno italiano.

L’incarico sarà comunque dato in  prima battuta al leader del SDS Janez Jansa.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Le recenti elezioni iraniane e gli sviluppi possibili sulla scena internazionale.

Come ampiamente previsto da tutti gli osservatori geopolitici il presidente uscente, il riformista Hassan Rouhani è stato rieletto Presidente della Repubblica islamica dell’Iran con il 57.1% dei voti e senza ricorrere al ballottaggio. Le elezioni sono svolte due settimane fa ma i risultati ufficiali sono stati resi noti solo nella…

Leggi tutto »

Buon Natale agli amici cristiani ortodossi che lo festeggiano oggi 7 gennaio 2019

Anche le date e il calendario sono un privilegio: pochissimi li decidono e tutti gli altri si adeguano. O litigano col calendario, appunto. Che Gesù Cristo sia nato il 25 dicembre di circa 2 mila 13 anni fa, ormai è ammesso sia una convenzione che non cambia il significato della…

Leggi tutto »