MediterraneiNews.it

Progetto “Ciak .. un processo simulato per evitare un vero processo”, l’Iti di Nicotera porta a casa 5 premi

L’Iti di Nicotera porta a casa cinque premi individuali ed una menzione di merito durante la giornata conclusiva del progetto “Ciak … un processo simulato per evitare un vero processo”.

Di fronte ad oltre 1200 studenti e docenti, presso il Palavalentia di Vibo Valentia, l’istituto nicoterese del dirigente scolastico Marisa Piro, ha fatto incetta di premi, cinque a livello individuale con gli alunni: Samuele Gallone, Carmelo Marra, Domenico La Gamba, Chiara Cavallaro e Nicola Garo che si sono distinti durante la fase delle simulazioni del processo penale minorile e una menzione di merito all’istituto “per l’impegno dedicato ai ragazzi durante ogni fase di realizzazione del progetto. Per la particolare attenzione e la profonda sensibilità verso le delicate tematiche trattate”.

Nel mese di maggio alunni e docenti dell’Iti hanno partecipato all’iniziativa promossa dal Centro calabrese di solidarietà in collaborazione con Usr Calabria e il Tribunale dei minori di Catanzaro. 27 alunni dell’istituto insieme ai loro insegnanti hanno, infatti, “messo in scena”, sulla base di un copione ispirato ad un caso reale di cyberbullismo, un processo tenutosi, poi, nell’aula del Tribunale di Nicastro.

Il percorso di educazione alla legalità è ormai giunto alla sua quarta edizione registrando quest’anno l’adesione di circa ottanta scuole tra istituti di istruzione secondaria di primo e secondo grado. Tema centrale del progetto è stata la prevenzione della diffusione del fenomeno del bullismo e cyberbullismo.

Durante la giornata sono stati premiati, inoltre, con una targa la scuola Secondaria di I grado di Limbadi e il Liceo Classico “B. Vinci” con cinque premi individuali, scuole facenti parte, come l’Iti, dell’Omnicomprensivo di Nicotera.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

La protesta per l’acqua sporca si sposta da Nicotera alla Regione

La battaglia per affermare il diritto all’acqua potabile e al mare pulito non conosce soste. Il Movimento 14 luglio ha deciso, infatti, di cambiare il teatro della protesta e sta preparando lo sbarco nella cittadella regionale di Germaneto. Dopo le quotidiane e partecipate assemblee degli ultimi giorni, c’è, in sostanza,…

Leggi tutto »

Acqua sporca, riesplode la protesta e il Movimento 14 luglio torna ad occupare la sala consiliare

Acqua sporca, riesplode la protesta ed i componenti del Movimento 14 luglio tornano ad occupare la sala consiliare. A decine sono arrivati stamattina davanti a Palazzo Convento e quando le presenze si sono fatte numericamente consistenti, prima hanno manifestato il loro malumore nei corridoi e poi si sono radunati nella…

Leggi tutto »