MediterraneiNews.it

Sarà pure in Bonafede…ma sospendere la prescrizione cozza con il Giusto Processo.

Pino Macino, da Pupari & Pupi

l ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ride sempre. Cuor contento, Dio l’Aiuta. Ma nel suo caso il suo sorriso a dentatura piena ha imposto una grave tributo alla benevolenza divina . Doveva dire la sua…per non rimanere schiacciato in quell’anonimato reso necessario dal bombardamento dei due vice primi ministri. E l’ha detta: pretende che il corso della prescrizione dei reati sia sospeso dopo una condanna in primo grado. E’ una idea…ci mancherebbe. Ma non fa i conti con un processo farraginoso e con un apparato che non riesce a dare giustizia in tempi ragionevoli. Fare passare questa riforma, allo stato significherebbe solo condannare migliaia e migliaia di persone ogni anno ad una angoscia a tempo indeterminato: i tempi delle impugnazioni si dilaterebbero all’infinito e la volontà di assicurare la certezza della pena si accoppierebbe con la certezza di una ingiustizia sostanziale ancor più inaccettabile. Difficile pensare  che possa superare il vaglio di costituzionalità stante il principio del Giusto Processo posto a presidio di ogni abuso per lungaggine giudiziaria.

Insomma….il sistema non pagherebbe mai e  ribalterebbe  le conseguenze solo sull’imputato. Assurdo. Pensassero piuttosto  a riordinare il processo, riequilibrare i diritti della difesa oggi calpestati dal predominio ingiustificato degli uffici di procura e riorganizzassero Uffici ed Organici.L’alternativa sarebbe la prescrizione della Giustizia.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Limbadi (VV), il Vecchio amaro del Capo è on air con uno spot TV “spettacolare”

È in onda il nuovo spot TV del Vecchio Amaro del Capo, concepito per consolidare nel pubblico le motivazioni per le quali il prodotto, anche nel più recente passato, ha proseguito la sua corsa verso le posizioni di vertice del mercato liquoristico italiano e internazionale e per riaffermare la sua…

Leggi tutto »

Limbadi, Libera presenta “La libertà non ha pizzo”

Farà tappa, alle 17, a Limbadi, nella sala convegni della villa confiscata di località Santa, a cura dell’associazione “Libera“, la presentazione della campagna regionale sui temi di racket e usura “La libertà non ha pizzo”. La campagna civile nata a Reggio Calabria nel 2010, vuole promuovere una rivoluzione socio-economica e culturale…

Leggi tutto »