MediterraneiNews.it

Nicotera: la Media ospita Elsa Tavella mamma di Francesco Vangeli e Matteo Luzza fratello di Pino Russo, giovani vittime di ‘ndrangheta

“Nessuno ha diritto di strapparti un figlio. Tutto quello che sto vivendo è innaturale perché non è giusto che si muoia prima dei genitori. Vi invito, quindi, a rendere migliore questa società e a fare tesoro della mia storia affinchè non si uccida più”.

E’ questo il monito lanciato agli alunni della scuola Secondaria di I grado da Elsa Tavellamadre di Francesco Vangeli, 27enne di Scaliti di Filandari, scomparso la sera del 9 ottobre 2018, vittima probabilmente di “lupara bianca”. L’occasione per ascoltare le sue parole è stata offerta dall’incontro con l’associazione “Libera” svoltosi presso la scuola del dirigente scolastico Marisa Piro. All’appuntamento erano presenti anche Francesca Pagnotta di Libera Vibo e Matteo Luzza referente regionale di Libera Memoria, fratello di Pino Russo, il giovane 22enne rapito e poi ucciso ad Acquaro il 15 gennaio 1994, il cui cadavere fu rinvenuto in una fossa solo mesi dopo e solo grazie alla confessione di uno dei suoi assassini.

Un incontro per comprendere e condividere il dolore dei due familiari a sette mesi dalla scomparsa di Vangeli e a 25 di Russo, giovani fatti “scomparire” dalla sottocultura mafiosa solo per essersi innamorati della ragazza sbagliata. “Francesco – afferma la madre – quella sera è uscito da casa alle 21 sorridendo, ancora oggi lo sto ancora aspettando. Una famiglia “normale” e tranquilla come la mia, senza legami di ‘ndrangheta, si è trovata dentro una vicenda più grande di quanto potesse sopportare. Da quel giorno non ho più pace perché ho smesso di vivere e sopravvivo solo per gli altri figli, vado avanti per non fargli mancare nulla”. Una mamma che non riesce a sopportare un dolore così grande, Elsa, perché non sapere che fine ha fatto il proprio figlio, può fare impazzire. “Francesco poteva essere felice – dichiara –, ma non è stato così, mentre chi lo ha fatto scomparire vive tranquillamente. Qualcuno sa, conosce cosa è successo, ma non parla dando vita alla cultura del silenzio e dell’omertà. Voi, invece, cercate di percorrere strade sicure e frequentate amici affidabili, ma, soprattutto, se avete problemi parlatene con la vostra famiglia e i vostri insegnanti”.

Doveroso, quindi, fare tesoro di queste tristi vicende perché il diritto di vita non deve essere negato a nessuno e perché non è normale scomparire per amore. Anche quella di Pino è “una delle tante storie – affermano Luzza e Pagnotta – che il Vibonese ha raccolto in questi 25 anni. Grazie a Libera possiamo assistere a questi momenti di “prevenzione”. Anche oggi abbiamo reso questa scuola un luogo aperto alla libertà e alla democratizzazione”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Pallone d’oro Dilettanti 2018, l’Asd Nicotera non finisce mai di stupire: Filippo Rascaglia il più votato degli attaccanti in Calabria

Gli sportivi di ogni regione hanno avuta la possibilità, durante questi mesi, di esprimere la loro preferenza  votando  i migliori giocatori dei campionati regionali, dall’Eccellenza alla Terza categoria. Solo i migliori per ogni ruolo, però, proseguiranno la corsa per la vittoria finale. Filippo Rascaglia, attaccante dell’Asd Nicotera, prosegue la sua…

Leggi tutto »

Alla media di Joppolo si parla di immigrazione

Presentato presso la scuola Secondaria di I grado “A.Nifo” di Joppolo del dirigente scolastico Marisa Piro, il libro “Gli occhi neri di Aisha” della scrittrice Titti Preta. Un evento duplice, in quanto l’incontro ha avviato anche un  convegno sulla tematica dell’immigrazione. L’evento,  organizzato e moderato dalla docente di Lettere, nonché…

Leggi tutto »