MediterraneiNews.it

Manovra finanziaria 2020. In vigore il collegato fiscale, pene inasprite per chi è colpevole di reati tributari

 Pubblicato nella G.U. n. 252,  il decreto con le misure di contrasto all’evasione e alle frodi, che accompagna la legge di bilancio. L’articolo 39 del decreto legge n. 124/2019 (“collegato fiscale” alla legge di bilancio 2020) apporta significative modifiche alla disciplina penale, allo scopo di ampliare gli strumenti di repressione dei fenomeni di evasione delle imposte sui redditi e dell’Iva. Vengono ampliati gli strumenti penali di repressione dei fenomeni di evasione delle Imposte dirette e dell’Iva attraverso l’innalzamento dei limiti edittali e la riduzione delle soglie di punibilità attualmente vigenti (Dlgs 74/2000).

La confisca “di sproporzione” (o “allargata”) è estesa ai reati tributari più gravi e connotati dal superamento di soglie rilevanti (100mila euro) di imposta evasa o di redditi sottratti all’imposizione fiscale, consentendo il sequestro e la confisca dei beni e delle disponibilità finanziarie e patrimoniali di cui il condannato in via definitiva non sia in grado di giustificare la legittima provenienza e di cui, anche per interposta persona fisica o giuridica, risulti essere titolare o avere la disponibilità a qualsiasi titolo inoltre è stata introdotta la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati tributari più gravi commessi nel loro interesse o a vantaggio delle medesime

Gli interventi sulla normativa riscrivono le conseguenze per diversi reati fiscali:

 DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA MEDIANTE USO DI FATTURE O ALTRI DOCUMENTI PER OPERAZIONI INESISTENTI reclusione da 4 a 8 anni;

 DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA MEDIANTE ALTRI ARTIFICI reclusione da 3 a 8 anni. Applicazione della confisca allargata, se l’imposta evasa supera 100mila euro

 OMESSA DICHIARAZIONE reclusione da 2 a 6 anni. Applicazione della confisca allargata, se l’imposta evasa o le ritenute non versate superano 100mila euro

 EMISSIONE DI FATTURE O ALTRI DOCUMENTI PER OPERAZIONI INESISTENTI reclusione da 4 a 8 anni. Applicazione della confisca allargata, se gli importi non veritieri superano 100mila euro

 OCCULTAMENTO O DISTRUZIONE DI DOCUMENTI CONTABILI reclusione da 3 a 7 anni. Applicazione della confisca allargata

 OMESSO VERSAMENTO DI RITENUTE DOVUTE O CERTIFICATE  per un ammontare superiore a 100mila euro per periodo d’imposta. Reclusione da 6 mesi a 2 anni

 OMESSO VERSAMENTO DI IVA  per un ammontare superiore a 150mila euro per periodo d’imposta. Reclusione da 6 mesi a 2 anni

La confisca “allargata”, oltre che alle fattispecie, si applica anche ai seguenti altri delitti, per i quali, però, non sono sopraggiunte modifiche in termini di inasprimento delle pene o di riduzione delle soglie di punibilità: indebita compensazione quando riguarda crediti non spettanti o inesistenti superiori a 100mila euro, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (quando l’ammontare delle imposte ovvero gli elementi attivi o passivi sono diversi dagli effettivi per un importo superiore a 100mila euro.

Dott Giuseppe Arfuso

Ex dirigente dell’Agenzia delle Entrate

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nel vibonese la crisi morde ma le opportunità del recente decreto per il Sud sembrano lasciar tutti indifferenti.

Nel vibonese si parla sempre di sviluppo ma quando si presentano le buone occasioni enti locali e privati, sopratutto a queste latitudini, molto spesso non sanno proporre una progettualità in grado di intercettare le risorse disponibili che pur non mancano. I motivi sono diversi – dalla atavica lentezza delle classi…

Leggi tutto »

Scuola, firmato il rinnovo del contratto che prevede aumenti stipendiali per Ata e Docenti

Firmato il rinnovo del contratto per il comparto Istruzione e Ricerca, per insegnanti e personale Ata. Gli aumenti in arrivo vanno da un minimo di 80,40 a un massimo di 110, 70 euro mensili, variabili a seconda del ruolo e dell’anzianità di servizio. In particolare, per i docenti, le cifre più…

Leggi tutto »