MediterraneiNews.it

Instabook – la nuova applicazione inventata da tre giovani ingegneri calabresi

Quante volte ci ricordiamo di una frase di un libro che abbiamo letto e la citiamo a memoria? E quante di queste volte accade però che pur ricordando la frase citata non riusciamo a ricordarci in quale libro si trova? Lo stesso accadeva per le canzoni ma in questo caso la tecnologia ci era venuta incontro grazie a Shanzam ma per i libri ancora non si prospettavano soluzioni. Almeno fino a quando, il 31 ottobre scorso, sono apparsi sulla scena i  “Arandroid developers”, cioè un gruppo di giovani, brillanti e intuitivi ingegneri del cosentino – precisamente di Acri – i quali, utilizzando il medesimo meccanismo di Shazam, ma trasferendolo nell’universo dei libri, hanno richiamato l’attenzione della stampa nazionale e non, inventando una nuova e utilissima applicazione per smartphone che si chiama Instabook e che ha riscosso da subito un grande succcesso e un coro positivo di critiche dagli utilizzatori del prodotto multimediale e dai media.

L’applicazione inventata da questi tre giovani ingegneri – al secolo Angelo Ragusa, Andrea Sposato e Ronny Meringolo – è scaricabile gratuitamente da Google Play e ha del sorprendente in quanto attraverso la citazione o un passaggio di un libro, risale direttamente al titolo e all’autore dell’opera. E l’applicazione non termina mica qui il suo compito in quanto, una volta digitato il passo e terminata la ricerca è anche possibile leggere il titolo, l’autore, una breve descrizione e la valutazione degli utenti che viene espressa utilizzando delle stelle come simbologia. Inoltre riesce a verificare in tempo reale se il libro è reperibile su Google books o se lo si può eventualmente acquistare proponendo infine, persino una classifica dei libri più in voga.

Insomma sembra che i tre “diabolici” inventori hanno proprio pensato a tutto e così dopo aver lavorato su questa loro idea a tempo perso per alcuni mesi adesso balzano agli onori della cronaca e si prendono la loro meritata dose di complimenti e di soddisfazione. E’ un esempio pratico di come utilizzando i moderni mezzi che la tecnologia ci mette oggi a disposizione è possibile creare strumenti utili nella vita di tutti i giorni e magari perché no persino utilizzare questo talento e questa vocazione dei giovani inventori nostrani per creare occasione di imprenditorialità. Si pensi ad esempio che in un paese come la Svizzera si investano ogni anno – tramite il Fondo nazionale elvetico per la ricerca scientifica – ben 580 milioni di euro all’anno destinati agli istituti pubblici per l’istruzione superiore e che in questa stessa nazione, dopo aver preso atto degli scarsi rapporti fra le pmi e le università sono stati creati ben sette Hautes Ecoles Specialisées (Hes) situate in varie regioni del paese e che hanno fra i loro compiti principali quelli di interagire con le piccole e medie aziende per renderle più competitive o crearne di nuove destinando infine risorse alle alte scuole di ingegneria come il Politecnico federale di Losanna e quello di Zurigo che solo l’anno scorso, solo per citare i dati di quest’ultimo, ha sfornato dieci nuove star-up nel settore tecnologie. Un appunto per i nostri politici e legislatori.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Google e altre realtà del settore editoriale starebbero per lanciare un nuovo progetto

Nei giorni scorsi il Wall Street Journal, Ha lancito la notizia che il colosso Google starebbe sviluppando una tecnologia per consentire a editori e media di creare contenuti che valorizzano le immagini e gli aspetti multimediali. Il progetto avviato in simnergia con alcuni altri colossi dell’informazione come  Cnn e Washington Post…

Leggi tutto »

Il ricercatore vibonese Sergio Gaudio incontrerà gli studenti il prossimo 5 dicembre su invito della Camera di commercio.

Sergio Gaudio, giovane ricercatore del team di scienziati protagonisti dell’importante scoperta sulle onde gravitazionali che è valsa l’ambito riconoscimento ritirato di recente a Stoccolma dagli scienziati Kip Thorne, Rainer Weiss e Barry C. Barish, sarà a Vibo il prossimo 5 dicembre alle ore 15.00 dove, su invito della Camera di…

Leggi tutto »