MediterraneiNews.it

La storia di Kodi, pastore tedesco arrestato e messo in gabbia ai domiciliari…colpevole di aver fatto il suo dovere. Tasmania o… smania giudiziale?

Kodi, era un pastore tedesco. Un vero grande eroe che aveva difeso “il suo territorio” e i suoi padroni nella loro  sua casa dai ladri malintenzionati ed armati di coltello. Il povero Kodi nel reagire al suo istinto, ha  rimediando sette coltellate, ed è poi  stato soppresso dopo che il tribunale lo ha ” condannato per l’aggressione” dichiarandolo un animale pericoloso.  L’episodio è avvenuto lo scorso dicembre nello Stato della  Tasmania, un’isola dell’Australia. Kodi  ha cercato di fermare i ladri  che si erano introdotti nella casa dei suoi padroni armati di coltelli ed è stato accoltellato sette volte da uno di loro, riuscendo però a mettere in fuga gli assalitori.   Proprio per aver tentato di fermare gli intrusi, Kodi è stato dichiarato un animale violento e  pericoloso e per questo è stato posto sotto sequestrato dalle autorità. In seguito è stato rilasciato alla sua famiglia solo a condizione che vivesse in una gabbia quando nessuno era in casa e che indossasse una museruola quando usciva.

Già gravemente ferito dalle coltellate, tenuto in una gabbia, il povero cane non si è mai del tutto ripreso dalle ferite e ha iniziato a soffrire di depressione da stress post-traumatico. Le condizioni dell’amico a quattro zampe si sono aggravate a causa dell’obbligo di rimanere in gabbia, nonostante tutte le cure dei padroni che hanno cercato fino all’ultimo di rimetterlo in salute sia fisica e mentale.

Ma l’amore non è stato sufficiente e il pastore tedesco eroe non è più tornato in sé dopo le coltellate. “Era un cane amorevole, protettivo e leale – ha raccontato la sua proprietaria tra le lacrime – Kodi non è più stato lo stesso, è passato dall’essere un cane felice e pieno di vita a uno spaventato dalla sua ombra”.

Nelle ultime settimane la sua salute è solo peggiorata così come la sua depressione. Per questo la sua proprietaria, inconsolabile ma decisa a risparmiargli altre sofferenze, ha deciso di sopprimerlo, dopo le indicazioni del veterinario.

Preghiamo per Kodi ed anche affinché altri magistrati insensati, in Italia e all’estero, oltre che in Tasmania, non vengano tentati dalla smania di emulare il gesto, incomprensibile, del loro collega.

L’amara realtà e che i ladri hanno sempre la legge che li tutela anche difronte ad un cane, reo di essere rimasto ignorante alle leggi moderne progressiste nonché, reo di essere rimasto ancorato al suo istinto primordiale.

in parte fonte il giornale.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera, altro colpo della “banda delle merendine” ai danni di due scuole

Non c’è pace per le scuole nicoteresi che, prive di allarme e di impianto di videosorveglianza, ormai sono inesorabilmente in balia dell’inciviltà e della barbarie. Per la settima volta dal mese di settembre, infatti, ignoti si sono introdotti in due istituti del comune tirrenico. Ancora una volta ad essere prese…

Leggi tutto »

Nuova operazione delle forze dell’ordine tra Nicotera e vari centri del vibonese.

Nonostante la pressione esercitata dalla criminalità organizzata, le forze dell’ordine rispondono colpo su colpo con operazioni di controllo del territorio. A Nicotera i militari infatti hanno deferito in stato di libertà un uomo, 60enne per i reati di truffa e calunnia. Il soggetto in questione infatti, originario della provincia di…

Leggi tutto »