MediterraneiNews.it

Economia: buone notize per il Sud.

Il Prodotto interno lordo ha registrato un aumento in linea con quello nazionale nel Sud italia (+0,9%), lievemente inferiore nel Centro (+0,7%) e nel Nord-ovest (+0,8%) e superiore alla media nazionale nel Nord-est (+1,2%).

Lo ha comunicato l’Istat che sottolinea due aspetti parimenti molto attesi e molto importanti: il primo è che per la prima volta il Nord-est – la cosidetta locomotiva d’Italia – ha ripreso a correre e il secondo che ci riguarda più da vicino e chè il meridione bissa anche in questo 2016 il risultato positivo del 2015 e invece di arrancare come al solito è al livello di crescita delle altre macro-aree geografiche del paese.

 

La crescita dell’occupazione – +1.3% nel 2016 – risult ancora una volta maggiore nel Nord-est (+1,8%), e nel Mezzogiorno (+1,6%) il cui dato quindi è superiore ha quello registrato dal regioni del Nord-ovest (+1,0%) e del Centro (0.6%). Anche se occorre dire che la perdita occupazionale registrata dal mezzogiorno negli anni più virulenti della crisi – 2008-2014 – aveva segnato una autentica falcidia degli occupati.

E’ comunque un buon segnale che speriamo possa consolidarsi e crescere.

Nel Nord-est i risultati migliori riguardano l’agricoltura (+4,5%) e il settore che comprende commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+2,3%). È in crescita anche il valore aggiunto dell’industria (+0,9%), dei servizi finanziari, immobiliari e professionali (+0,7%) e degli altri servizi (+0,3%). Risulta in calo solamente il valore aggiunto delle costruzioni (-1,5%).

Anche nel Nord-ovest le migliori performance si registrano per l’agricoltura (+1,9%) e per il settore che raggruppa commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+1,9%) ma sono in crescita anche industria (+1,1%) e costruzioni (+1,0%). Registrano un calo i servizi finanziari, immobiliari e professionali (-0,4%) e gli altri servizi (-0,6%).

Al Centro, dove la crescita è più modesta, il valore aggiunto presenta variazioni positive solo per i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+1,3%) e l’industria (+0,8%). I restanti settori registrano diminuzioni: -1,9% in agricoltura, -0,3% nelle costruzioni e -0,1% nel settore che comprende commercio, pubblici esercizi, trasporti, telecomunicazioni e negli altri servizi.

Nel Mezzogiorno, il Pil ha registrato nel 2016 un significativo recupero crescendo in linea con la media nazionale. L’aumento del valore aggiunto è più marcato nell’industria (+3,4%) e nel settore che raggruppa commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+1,4%). Segnano un incremento modesto i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+0,3%) e gli altri servizi (+0,2%). Si registrano cali per l’agricoltura (-4,5%) e, in misura molto limitata, per le costruzioni (-0,1%).

Per quel che riguarda gli andamenti settoriali dell’occupazione, nel Mezzogiorno la crescita riguarda, in particolare l’industria, il settore che comprende commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni e gli altri servizi (rispettivamente +2,6%, +2,1% e +2,0%). Nel Nord-est gli aumenti più marcati si registrano per i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+5,0%) e per l’agricoltura (+4,4%). Il Nord-ovest è caratterizzato da incrementi maggiori nel commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+3,0%) e nei servizi finanziari, immobiliari e professionali (+1,0%). Anche nel Centro, i risultati migliori riguardano i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+3,0%) e l’agricoltura (+2,3%).

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Per Gentiloni Mezzogiorno motore d’Italia

  ” Se la nostra economia può avere un di più nella crescita, molto dipende dalla messa a regime di un motore che non è andato a regime in questi decenni. Quel motore è il Mezzogiorno d’Italia”. Lo ha affermato  il premier Paolo Gentiloni durante il suo intervento nella manifestazione…

Leggi tutto »

Bitcoin e criptovalute: uno strumento di investimento equivoco da autentica truffa piramidale ad alto rischio?

Bitcoin e altre criptovalute sono considerate monete virtuali in tecnologie che prestano il fianco all’abuso e all’infrazione della legge. L’autorità monetaria di Mosca prepara la messa al bando totale di Bitcoin e delle altre criptomonete, perchè destinate al collasso secondo gli esperti. La Duma sta studiando una legge per regolare…

Leggi tutto »