MediterraneiNews.it

Stati Uniti, nuova sconfitta repubblicana nell’ultimo test elettorale dell’anno.

L’ultimo appuntamento elettorale di questo 2017, negli Stati Uniti, si chiude con una nuova, inattesa e pesante sconfitta del partito repubblicano.

Al termine di una campagna elettorale locale che era stata seguita con grande attenzione tutto il paese – quello per il seggio al Senato della stato dell’Alabama – infatti Doug Jones del Partito Democratico ha vinto infatti le elezioni suppletive battendo a sorpresa il candidato del Partito Repubblicano, Roy Moore.

Il dato è rilevante in quanto: a) l’anno scorso alle presidenziali i repubblicani avevano raccolto oltre il 61% dei voti; b) dal 1976, nelle presidenziali, i repubblicani sono sempre stati il partito di maggioranza in questo stato del profondo sud – un area profondamente conservatrice tanto da essere soprannominata “bible Belt” (la fascia della Bibbia) e c) perchè con questa sconfitta i repubblicani hanno adesso un solo seggio di maggioranza in uno dei due rami del parlamento nazionale e questo rende – anche per il presidente Trump – molto più lento e difficile far passare i provvedimenti legislativi.

E nel quartier generale repubblicano è già scattato l’allarme in vista del voto del novembre 2018 quando si rinnoverà un terzo del Senato stesso e la Camera dei rappresentanti.

Jones ha ottenuto 671151 voti  pari al 49.9% – mentre Moore ne ha presi 650436 – pari al 48.4%. In un anno quindi l’elettorato repubblicano si è praticamente dimezzato dato che Trump aveva ottenuto 1,318,255 voti.

E la mappa dello stato dell’Alabama oggi era molto più blu – il colore dei democratici – rispetto al passato. Da sottolineare come Jones abbia avuto un netto successo nelle arre urbane: 56% a Mobile, 72% a Montgomery, la capitale dello stato, 57% a Tuscaloosa e 68% a Birminghan mentre i repubblicani hanno vinto nelle aree rurali del nord e del sud dello stato.

Molto ha indubbiamente pesato l’immagine del candidato repubblicano – un noto estremista religioso – macchiata peraltro da uno scandalo a sfondo sessuale esploso mentre la campagna elettorale era in corso. E gli stessi vertici del partito repubblicano lo avevano scaricato a parte il presidente Trump che lo ha difeso fino all’ultimo e che stamattina però su twitter, si è pubblicamente congratulato con il democratico Jones.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il “cappotto” di Trump all’establishment globale

Il “cappotto” di Trump all’establishment globale (di Lupo Glori) Con almeno 289grandi elettori, ben 19 oltre la soglia minima, Donald Trump è il 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. Il candidato repubblicano si è aggiudicato, oltre le aspettative, l’attesissima sfida presidenziale contro la rivale democratica Hillary Clinton, fermatasi a quota 228….

Leggi tutto »

Elezioni tedesche: il partito della Merkel arretra ma lei resterà cancelliere

Ad un ora e mezza dalla chiusura delle urne per le elezioni – le ottave dall’unificazione – i giochi in Germania sembrano fatti e sarà ancora Angela Merkel a ricoprire per la quarta volta, l’incarico di cancelliere federale della Bundesrepublik eguagliando così il record di Helmuth Kohl. Il voto ha…

Leggi tutto »