MediterraneiNews.it

Gerocarne, il sindaco Papillo annuncia “Trentamila euro in più per il bilancio comunale”.

Trentamila euro l’anno in più per le casse comunali di Gerocarne. Una bella soddisfazione in tempi in cui i piccoli comuni sono alle prese con la politica dei tagli.

A darne l’annuncio, è stato il sindaco Vitaliano Papillo con un post sui social network.

“Tempo addietro, – ha scritto il primo cittadino gerocarnese – insieme al collega di Arena Antonino Schinella, abbiamo avviato un’iniziativa riguardante le quote spettanti ai comuni attraversati da fiumi o affluenti da parte delle società che gestiscono impianti per la produzione di energia elettrica. Tali quote sono minori per i comuni sui cui fiumi non ci sono impianti e maggiori per quelli in cui, come Gerocarne e Arena, gli impianti ci sono”.

“Al Ministero, tuttavia, – ha continuato il sindaco – non sapevano dell’esistenza di un’installazione sul fiume Morano ed il Comune percepiva una quota irrisoria di circa il 3%. Grazie alla nostra perseveranza e ad una lunga corrispondenza con il Ministero dell’Ambiente siamo così riusciti a far riconoscere al Comune la più equa quota del 12%, che si traduce in un’entrata in più per le casse dell’ente di 30 mila euro annui.”

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Gerocarne: Il Ponte di Ariola fu costruito anche grazie a Pasolini.

Forse non ci avrà creduto neppure Lui quando stamattina ha aperto il quotidiano nazionale “La Stampa”. Stiamo parlando del giovanissimo sindaco di Gerocarne – piccolo centro agricolo di 2300 abitanti dell’alto Mesima nel vibonese – Vitaliano Papillo (classe 1982, eletto con un plebiscito quattro anni e che nel corso del suo mandato…

Leggi tutto »

Consiglio comunale: approvato il bilancio.

Dopo diciassette ore di discussione, il consiglio comunale citttadino, ha approvato il bilancio comunale con i soli voti della maggioranza e il voto contrario del Partito democratico e del consigliere di “Territori e libertà” Antonio Schiavello. In bilancio non è stato comunque inserito il debito di 2 milioni e mezzo di euro…

Leggi tutto »