MediterraneiNews.it

C’è posta per …Tria. Il commissario U.E. scrive all’Italia

Pino Macino, da Pupari & Pupi

E’ il prezzo della spregiudicatezza  e  della arroganza dei dilettanti che governano il nostro Paese. E’ la rovinosa conclusione di un isolamento ricercato e voluto ogni giorno con l’uso di un linguaggio protervo, politicamente infantile,  banalmente maleducato. Si pretende di non rispettare i patti. E lo si pretende di farlo in nome degli Italiani. NO! Si muovono come un manipolo di ubriachi, litigiosi e bambineschi….per il solo loro tornaconto di partito. Abbiamo visto ieri Giggino che  minaccia  di andare dal Procuratore della Repubblica per capire quale dei suoi  complici abbia modificato il decreto fiscale….Pare che governino a loro stessa insaputa….e  si guardano intorno  perché oramai si  gioca a “futticumpagni”.  Ogni giorno si lanciano accuse reciproche, sempre superate per amore della poltrona. Ora è arrivata la letterina dall’Europa. Nessuno vuole pagare per i nostri debiti e per il loro  avventurismo. Dovremo rispondere entro e non oltre lunedì 22 ottobre a mezzogiorno. I bambocci sorpresi con le dita nella marmellata fanno spallucce e scherzano con il fuoco della sicurezza delle famiglie italiane…mentre lo spread vola già a 315. L’Italia sta approdando su una spiaggia greca. Saranno dolori. E non pagheranno il dazio.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Quirinale pensaci tu …ai due statisti.

Pino Macino, da Pupari & Pupi Inizieranno  le consultazioni di Mattarella per la possibile formazione del Governo. I DUE STATISTI  Salvini e Di Maio sono in piena confusione…non hanno certezze se non quelle della propaganda parolaia e ciascuno si affida ad immagini per il consenso. Salvini ostenta la coroncina del…

Leggi tutto »

Nicotera, la terna commissariale dichiara il dissesto

Il crack del Comune è cosa fatta. La terna commissariale (Adolfo Valente, Nicola Auricchio, Michela Fabio) riunitasi con i poteri del consiglio comunale ha, infatti, deliberato il dissesto dell’Ente ai sensi dell’art. 246 del decreto legislativo n.267/2000. Succede per la seconda volta nella storia politico-amministrativa della città e disegna linee…

Leggi tutto »