MediterraneiNews.it

Nicotera, allaccio abusivo alla rete elettrica. Arrestata coppia

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri di Nicotera e i colleghi di Nicotera Marina, nell’espletamento dei quotidiani controlli alle persone sottoposte a misure custodiali,  si sono imbattuti in una coppia di coniugi: Diego Campennì, nicoterese  di 67 anni e Isabella Vis, nicoterese di 55 anni, quest’ultima sottoposta al regime della detenzione domiciliare.

Lo stato di agitazione della donna non è rimasto inosservato. I Carabinieri, infatti, hanno individuato nell’abitazione una persona estranea al nucleo familiare la cui presenza è risultata ingiustificata. In ragione di ciò, si è dato inizio ad un’accurata perquisizione dell’intera abitazione. La ricerca ha permesso di individuare in una scatola di derivazione alcuni fili elettrici che riportavano ad un sofisticato sistema elettronico. Infatti, occultata sotto uno strato di muratura, è stata scoperta una nicchia ricavata nella parete perimetrale dell’abitazione. Lì, un dispositivo elettronico convogliava l’energia elettrica della rete pubblica nella rete della priva abitazione aggirando le misurazioni del contatore. È stato così riscontrato che lo stratagemma consentiva di evitare l’assorbimento dell’energia elettrica pari al 100%. Il Campennì e la Vis sono stati tratti in arresto per il reato di furto aggravato in concorso.

(Comunicato stampa ricevuto da CC)

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

I Carabinieri delle stazioni di Nicotera e Nicotera Marina, col supporto dei colleghi della Squadrone eliportato cacciatori Calabria, irrompono nel quartiere “Borgo”, ispezionano vicoli e casolari diroccati alla ricerca di piante di canapa indiana in vegetazione oppure essiccata e già pronta allo smercio. I risultati non mancano. In una casa…

Leggi tutto »

Capocolonna, approdati con un gommone 40 migranti siriani ed iracheni

Sarebbero quaranta i migranti siriani e iracheni, tra i quali diversi minori, sbarcati questa mattina a Capocolonna, nei pressi del Parco archeologico. A segnalare la loro presenza sarebbe stato un cittadino residente nella zona che avrebbe chiamato immediatamente il 113. Sul posto sono intervenuti, insieme alla Polizia di Stato, i volontari…

Leggi tutto »