MediterraneiNews.it

‘Ndrangheta srl. Ben curata e in ottima salute. Scandalo sanità a Locri e Polistena.

Di cosa stiamo parlando!!!Una amara, assurda e cruda realtà, quella trasmessa in TV dalle Iene sulla sanità Calabrese, o meglio reggina. Gli ospedali di Locri e Polistena facenti parte del distretto sanitario di Reggio Calabria, sono il simbolo scandaloso di una collusione totale con quel malaffare, sfrontato e disarmante che regna e impera indisturbato, o quasi. Non ci sono parole!! Chi doveva e deve controllare, non lo ha fatto. Una vergogna costata annualmente almeno 800 milioni di euro, intascati dal malaffare in generale. Altro che ‘ndrangheta, qui si è sbracato lo Stato, voltando lo sguardo altrove. Un commissario alla sanità calabrese che da 10 anni opera con pieni poteri, ha fatto tagli alla sanità calabrese e in che modo sarà intervenuto all’ASP di Reggio Calabria? Con i pieni poteri conferiti, come è possibile che si sia potuto verificare un tale scempio, talmente indescrivibile e ancor più inimmaginabile? Il commissario avrà relazionato di sicuro a chi di competenza, ma come  e in che modo? Domande che rimangono e, forse, rimarranno senza risposta.

La Calabria degli onesti si sente sconfitta e presa in giro da una magistratura in affanno, timida e piegata sia a Locri che a Reggio Calabria. Una marea di ispettori a vario titolo presenti sul territorio, che non hanno ispezionato. Dai controlli dei NAS non effettuati a dovere, ai Vigili del Fuoco che non hanno posto le loro prescrizioni e né avranno esercitato la loro vigilanza sulla sicurezza strutturale e dei luoghi. Camera di Commercio, Agenzia Entrate e Guardia di Finanza che, inspiegabilmente, allo stato delle notizie, sembra che non siano intervenute per tempo sul mancato deposito, per anni, dei bilanci aziendali. La dirigenza Asp e gli organi interni di controllo, dal responsabile alla sicurezza alla squadra antincendio e a quant’altro la legge prevede in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro, ci domandiamo, dove erano.

Ex Commissario Sanità, Scura

Una sconfitta per i cittadini calabresi. Uno schiaffo prepotente verso quelle aziende private del settore, vessate dagli ispettori del lavoro e super controllate dalle varie autorità preposte, le stesse che, a Reggio Calabria, Polistena e Locri, hanno messo la testa sotto la sabbia, facendo finta di non vedere come le scimmia di Catania che non vede, non sente e non parla. Tutto questo non è ‘ndrangheta, ma è qualcosa di peggio che usa la ‘ndrangheta, usa le società segrete deviate, usa gli apparati dello Stato corrotti fatti da funzionari, dirigenti, politici, magistrati e forze dell’ordine che rispondono ad un contro Stato, parallelo, forte e potente, subdolo e furbo che sa di non pagare mai, anche perché il prezzo da pagare sarà sempre molto inferiore degli 800 milioni incassati e spartiti ogni anno e per decenni. Uno scandalo inimmaginabile ed impensabile specie se fatto in maniera così plateale e con dichiarazioni confessorie disarmanti, rese dai responsabili del malaffare e della mala gestione, che hanno operato indisturbati in una Regione super controllata da appartai giudiziari e presidiata da forze dell’ordine…o, forse, ce lo hanno solo fatto credere.

Allo stato dei fatti e ancora sotto shock, il voto dei Calabresi alla pagella di tutti gli apparati regionali, nessuno escluso, è inclemente: tutti bocciati. Stendiamo un velo pietoso. Attendiamo fiduciosi il colpo di reni dello Stato, di quello fatto da una parte di élite di uomini speciali e incorrotti che, nonostante tutto, sentono ancora l’onore e l’onere di sentirsi uomini e italiani veri. Nel frattempo invitiamo le parti civili a prepararsi a costituirsi nell’eventuale lunghissimo procedimento giudiziario, che non dovrà finire tra le sabbie mobili delle prescrizioni e dell’aiutino agli amici degli amici, come in passato avvenuto per scandali analoghi dove, le solite menti sottili, si adoperarono con la loro manina invisibile per insabbiare e salvare il salvabile.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

La musica fa bene alla mente

Roma, 10 nov. (AdnKronos Salute) – La musica fa da sottofondo alla maggior parte delle nostre giornate. E forse non è un caso che l’apparato uditivo, responsabile della raccolta degli stimoli sonori esterni, sia così vicino al cervello. La loro è una interazione continua, un processo di codifica e decodifica…

Leggi tutto »

Master in Intelligence all’Unical. Iscriversi entro il 30 ottobre.

Sono aperte le iscrizioni al Master in Intelligence dell’Università della Calabria, con scadenza il 30 ottobre 2018. Le domande vanno presentate sul sito:  http://www.unical.it/portale/concorsi/archivio_bandi.cfm?Q_TIP=Master&Q_TITOLO_B=Master    Le lezioni inizieranno sabato 24 di novembre 2018 .Tutte le attività termineranno entro il mese di dicembre 2019. Possono presentare domande esclusivamente i laureati del vecchio ordinamento…

Leggi tutto »