MediterraneiNews.it

Concluso dall’associazione Giovani per l’Europa il primo meeting “Pro women, proposals and strategies for women entrepreneurs. Donne imprenditrici e madri”

Organizzato dall’associazione “Giovani per l’Europa” del presidente Ferdinando Comerci si è concluso il primo meeting “Pro women, proposals and strategies for women entrepreneurs– Donne imprenditrici e madri” relativo al progamma “Erasmus plus strategic partnerships”. Undici donne provenienti da Croazia, Lituania, Macedonia, Spagna, Grecia, Cipro e Bulgaria sono state, infatti, protagoniste di un progetto della durata di due anni. Grazie ad una metodologia sperimentale e interattiva associata al processo di apprendimento cooperativo è stata analizzata l’attuale crisi economica. E’ emerso che, in un simile contesto, l’Unione europea dovendo affrontare sfide comuni come gli alti livelli di disoccupazione e i bassi tassi di natalità, oltre ad una scarsa performance economica, spingerebbe i nuclei familiari a dover far fronte al crescente conflitto tra famiglia e vita lavorativa, preferendo, così, trovare una via di mezzo, quella, cioè, di portare il lavoro a casa. “Il nostro progetto – afferma Comerci – risponde alle richieste di una formazione su misura per le donne con figli che vogliono conciliare lavoro e famiglia lavorando da casa. Questo particolare gruppo selezionato ha avuto a disposizione materiali per la propria formazione ed ha frequentato attività pratiche in cui il learning by doing, “l’imparare facendo”, è stato facilitato attraverso reali e concrete esperienze. L’approccio previsto è stato polivalente, generale e interdisciplinare, in particolare sperimentale e interattivo associato al processo di apprendimento grazie anche ad un uso intensivo delle Ict. Ringrazio per la disponibilità manifestata il sindaco Franco Pagano e l’assessore Mariella Calogero ”. L’associazione, insieme ad altri otto partners, ha, quindi, messo insieme background, competenze, approcci e risorse, al fine di elaborare un corso formativo in “Competenze imprenditoriali di base” focalizzati sull’Home based business (Hbb), attività lavorativa da casa. Il gruppo di donne ha, infine, sviluppato un vero e proprio piano aziendale per un’attività Hbb. Una piattaforma di comunicazione web ha consentito lo scambio di esperienze e pratiche soprattutto tra loro. Oltre alle attività svolte durante il meeting, l’organizzazione Giovani per l’Europa, fondata con lo scopo di promuovere e gestire programmi di formazione ed istruzione sia a livello europeo che internazionale contribuendo così allo sviluppo delle competenze, delle risorse umane e al miglioramento del mercato del lavoro, non ha perso occasione per far conoscere le bellezze della cittadina tirrenica. Attraverso il costante impegno dei membri dell’organizzazione, Giovani per l’Europa favorisce, inoltre, la mobilità delle persone rafforzando l’attrattiva, la qualità e l’efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione professionale, a migliorare la trasparenza, i sistemi di informazione e di orientamento, il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche, nonché a rafforzare la dimensione europea.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Premio Berto, selezionata la cinquina dei finalisti

La XXVI edizione del premio “Berto” entra nella sua fase più significativa. La giuria, presieduta dal critico e giornalista Antonio D’Orrico e composta da Cristina Benussi, Giuseppe Lupo, Laura Pariani e Stefano Salis, ha, infatti, selezionato la cinquina dei finalisti tra i quali sabato 16 giugno 2018, nella splendida cornice…

Leggi tutto »

Policlinico Gemelli. Il prof. Sganga conclude la IX edizione del convegno “Trauma oggi”.

Il calabrese Gabriele Sganga ( in foto di copertina) è Professore Associato Confermato di Chirurgia, Istituto di Clinica Chirurgica, Divisione di Chirurgia Generale e Trapianti di Organi, del “Policlinico A. Gemelli”, Università Cattolica di Roma. Da pochi mesi è stato nominato direttore responsabile della Struttura Complessa dell’Area Chirurgica addominale della Chirurgia…

Leggi tutto »