MediterraneiNews.it

Asia Bibi è stata trasferita in una località segreta. L’Italia disposta a concedere asilo politico.

La donna cattolica accusata di blasfemia e assolta dalla Corte Suprema pachistana, dopo 8 anni di carcere, ha lasciato il Pakistan. “È in viaggio coi suoi familiari più stretti verso una destinazione sconosciuta”. Lo ha dichiarato il legale di Bibi, Saif ul-Malook, che a sua volta, nei giorni scorsi, ha lasciato il paese dopo aver ricevuto minacce di morte da parte dei gruppi radicali islamici. – Secondo l’emittente Bbc, Asia Bibi ha lasciato il Pakistan ed è in volo verso una destinazione sconosciuta. A rivelarlo il suo avvocato, costretto anch’egli a lasciare il paese per via delle proteste, nonché minacce di morte, da parte dei gruppi radicali islamici che non accettano la sentenza di assoluzione emessa dalla Corte Suprema pakistana.

La lettura della sentenza

“Bibi è stata assolta delle accuse, perché ci sono contraddizioni nelle testimonianze”, ha dichiarato il presidente della Corte Suprema del Pakistan, Saqib Nisar, nella lettura del verdetto, citando il principio di “presunzione d’innocenza” in mancanza di prove certe. Una sentenza che capovolge il precedente verdetto di condanna a morte della cristiana 47enne e che non piace ai gruppi estremisti. In un’aula blindata, la donna, che non era presente durante la lettura della sentenza, avrebbe reagito con incredulità. Bibi, detenuta a Sheikupura, vicino a Lahore, è stata poi scarcerata e trasferita in una località sconosciuta per ragioni di sicurezza, in attesa di lasciare il paese. Gruppi radicali islamici sono scesi in piazza chiedendo la testa della donna, oltre alla condanna a morte del presidente della Corte Suprema, e degli altri due colleghi, colpevoli di aver sentenziato l’assoluzione. La pakistana cristiana, accusata di blasfemia nel 2009, è stata assolta dopo otto anni di detenzione in isolamento.

Le contestazioni

La sentenza non piace al partito radicale Tehreek-e-Labbaik Pakistan (Tlp) che rappresenta i musulmani sunniti. Il suo leader, Khadim Hussain Rizvi, ha addirittura invocato la morte per il presidente della Corte Suprema, Nisar, e gli altri due colleghi che hanno emesso la sentenza: Asif Saeed Khosa e Mazhar Alam Khan Miankhel. Il partito, inoltre, ha chiesto le dimissioni del primo ministro, Imran Khan e chiesto ai sostenitori di scendere in piazza. Oltre a Islamad, manifestazioni si sono tenute a Karachi e Peshawar.

Le accuse e la condanna nel 2009

Asia è stata accusata di blasfemia nel 2009 dopo una discussione a Ittanwali, il villaggio del Punjab, dove è nata da una famiglia contadina e vissuta 40 anni con due sorelle. Nel 2010 un tribunale l’ha condannata a morte, ma il processo si era basato essenzialmente su testimonianze, in particolare su quella dello stesso uomo che l’aveva denunciata, Qari Mohammad Salam, imam della moschea locale.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Riace e i migranti…deportati

Pino Macino, da Pupari & Pupi Non ho mai visto o letto i provvedimenti con i quali le autorità naziste hanno disposto le deportazioni di massa degli ebrei, degli zingari e dei comunisti nei campi di sterminio. Immagino, perfino, che non ci siano…..tanto comandavano loro e tutti zitti. Sono assolutamente…

Leggi tutto »

Gli auspici della Chiesa cattolica per il 2017 dalla viva voce del Segretario di stato Parolin

Anche la Chiesa cattolica non ha mancato di esprimere il suo pensiero sull’anno che sta arrivando e lo fa, in modo auterovole, attraverso le parole del vicentino Mons. Pietro Parolin, dal 2013, Segretario di Stato della Santa Sede, con un lungo intervento rilasciato al giornale “Il Messagero” di Roma di…

Leggi tutto »