MediterraneiNews.it

Ancora incendio e morte nella baraccopoli di San Ferdinando

Pino Macino, da Pupari & Pupi

Meno di un anno dall’incendio della bidonville e dalla morte  della povera ragazza nigeriana. La morte torna nell’accampamento di San Ferdinando, vergogna d’Italia e dell’Europa.Ancora un ragazzo morto bruciato dal fuoco acceso per riscaldarsi. E, al solito, si dice che poteva essere peggio.Nel campo di cartone e plastica ci sono bombole di gas e migliaia di persone .P E R S O NE . Nulla è cambiato . E nulla cambierà. Ma bisognerà pur fare qualcosa. Nei giorni scorsi come Organizzazione Lions abbiamo distribuito 200 giubbotti cartarifrangenti – e molti di più ne distribuiremo – per arginare gli incidenti stradali che quotidianamente coinvolgono i lavoratori stranieri che a piedi o in bicicletta tornano nel buio ai loro rifugi. Non basta e non può bastare. Stiamo aspettando che vengano perfezionate le autorizzazioni per istituire un servizio sanitario su base esclusivamente volontaria ed in condizioni di sicurezza .E’ poco. Ma è difficile anche offrire aiuto…la burocrazia è sempre più forte. Ma non possiamo girarci dall’altra parte.Troppo comodo e troppo ingiusto. E con le parole adesso basta. Buon Natale

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Calabria: 100 milioni per i borghi calabresi. Pubblicato il bando sul sito della Regione.

Il  presidente della Regione Mario Oliverio è intervenuto, oggi pomeriggio, nella sede della Cittadella a Catanzaro alla presentazione dei due Avvisi pubblicati in preinformazione in attuazione delle attività per lo sviluppo turistico e culturale dei Borghi della Calabria. L’Avviso si incardina all’interno delle linee prioritarie della Programmazione Regionale Unitaria 2014/2020,…

Leggi tutto »

Autobomba Limbadi, depositata in Prefettura istanza per l’assegnazione della scorta armata ai coniugi Francesco e Rosaria Vinci

E’ stata depositata, questa mattina, istanza presso la Prefettura di Vibo Valentia, a firma dell’avvocato Giuseppe De Pace, avente ad oggetto la necessità, divenuta ancora più stringente in seguito agli ultimi arresti, di assegnare una scorta armata ai coniugi Francesco e Rosaria Vinci, genitori di Matteo, il giovane tragicamente scomparso…

Leggi tutto »